sabato 6 novembre 2010

Conversazione sulla Sicilia...

Quando si viaggia ti capita di incontrare persone che hanno vissuto nella tua stessa regione, ma da anni sono trapiantati in altre per motivi di studio o di lavoro, e ti rendi conto insieme a loro che questo trapiantarsi in altre regioni può sembrare un atto di vigliaccheria nei confronti della propria terra...
Mentre nelle altre regioni le famiglie prediligono che i figli vadano a lavorare post diplomati, nelle nostre famiglie si predilige che i figli vadano a studiare, spesso altrove...
Da anni la Sicilia ha avuto come prima risorsa: l'agricoltura. E' sempre stata una risorsa di cui si andava fieri, però con gli anni i figli degli agricoltori, o gli agricoltori stessi hanno convinto i propri figli e nipoti a cercare altre strade, dimenticando che dalla nostra terra nasce l'oro, come il vino, il grano, l'olio. Piuttosto meglio fare l'avvocato o l'ingegnere. Come se la soluzione fosse sempre quella... Studiare e poi cercare per anni il lavoro che spesso non c'è.
Dimenticando che nella nostra terra c'è tanto da fare, ci si accorge che certe professioni sono scomparse e che fra un paio di anni saranno quei pochi artigiani e agricoltori a fregarci perchè ci faranno pagare a caro prezzo il cibo, imparare un mestiere piuttosto che studiarne uno per non farlo mai. Cosa ci ha resi ricchi in Sicilia? Forse la risposta si trova proprio nelle risorse che ci hanno fatto sempre campare, l'agricoltura e la pesca, potrebbero essere la soluzione ai nostri mali, scappiamo dalla Sicilia prima ancora che i problemi si presentino, perchè rispondiamo sempre: "Il nostro futuro non sarà sicuramente in Sicilia. Qui non c'è niente da fare." E invece non rispondiamo dicendo che:"Il nostro futuro sarà in Sicilia, e cercheremo di cambiarla con ogni mezzo!"
Dimentichiamo le nostre origini, ce ne vergogniamo e diamo lavoro a chi già ne ha, pensiamo a noi, al nostro futuro prima che scompaia. Viva la Sicilia!
                                                 

3 commenti:

  1. prima che il ponte vi divori ...

    RispondiElimina
  2. questo tuo scritto mi ha dato da pensare. Sono siciliana anche io...e forse bisognerebbe che si restituissero la nostra terra una volta per tutte. Buon anno!

    RispondiElimina
  3. non vivo in Sicilia da quasi quaranta anni. Un tempo ero siciliano, poi italiano, oggi qualcuno mette in discussione l'Italia; ma io verso i 63 anni solo solo un uomo che pensa con nostalgia ai mandorli in fiore.
    ciao

    RispondiElimina